lunedì 13 gennaio 2014

Roba da femmine

Come al solito avevo in mente un post e mi ritrovo a scriverne un altro, ispirata da quello di ricciocorno (leggetelo!). Conoscete la favola della Signora Topo ed i piedini sporchi? No? Ve la racconto io. In una casetta piccina picciò, vive tranquilla la Signora Topo. Oh cielo, tranquilla è dire troppo, infatti la topolina lavora come una schiava tutto il giorno per lustrare il suo pavimento come uno specchio, perché se c'è una cosa che non sopporta è averlo inzaccherato di impronte di piedi sporchi. Un giorno, dopo che ha finito le pulizie passa da lei il vecchio Signor Rospo che si autoinvita ad entrare, sperando di poter restare a cena e papparsi il miele che la Signora Topo conserva gelosamente nella dispensa, dove non si sa bene perché, vive anche un'ape (motivo per cui non amavo particolarmente questa storia da piccola). Il Signor Rospo che non è certo un campione di galateo oltre a insudiciare con le sue zampacce tutto il pavimento, si dirige senza tante cerimonie verso il miele della povera vicina. Segue una lotta furibonda con l'ape e un triste squittìo della Signora Topo che si rammarica di non riuscire ad avere il pavimento di casa sua pulito.
La storia si interrompe qui e noi non sappiamo se il Signor Rospo si sia quantomeno scusato per il macello che ha combinato in casa altrui, può essere che l'abbia fatto e si sia fatto avanti per aiutare a ripulire, come può darsi che si sia infastidito per lo sconforto della Signora Topo. In fondo cosa ci vuole a pulire un pavimento? Se può farlo una donna, può farlo chiunque, non deve poi essere tanto difficile. Non ci vuole intelligenza per passare la cera, non ci vuole alcun tipo di abilità, è alla portata di tutti, per questo lo fanno le donne, perché sono così stupide da essere relegate ai compiti più irrilevanti, talmente elementari che guai a loro se si aspettano riconoscimento e, orrore, rispetto per ciò che fanno.
Ricciocorno, nel post citato prima, fa notare che non importa che cosa una donna faccia, che sia il medico, la sarta, l'insegnante o la casalinga. Quando la maggioranza degli esperti nel settore è di sesso femminile, quel lavoro, qualunque esso sia, viene sminuito e poco considerato, malpagato, bistrattato. L'esempio più lampante e più citato è quello dell'insegnante, meglio se insegnante della scuola materna che, quand'anche oggi venga richiesta una preparazione migliore (una laurea) dei limitanti quattro anni di magistrale, rimane una professione con pochissimo prestigio sociale, sottopagata, non considerata, considerata "facile" e possibile per chiunque, soprattutto per le donne, dotate "naturalmente" dell'istinto materno che permette loro di amare tutti i pargoli del mondo e badare che facciano correttamente pupù e pipì e non si ammazzino nell'arco della giornata. Come pagare un gatto per miagolare, in fin dei conti e si lamentano pure, 'ste streghe. Insomma, è opinione comune che la maestra sia una sorta di mamma bis che non debba saper fare nulla che non sia già forgiato nel suo codice genetico e dunque non sia di troppo impegno per le sue esigue cellule grigie. Ancora peggio va ai lavori come hostess, cameriera, infermiera. Lavori considerati tipicamente femminili e dunque di una semplicità e banalità sconcertante. Le hostess e le infermiere vengono ancora viste come delle specie di geishe del dottore o pilota di turno (rigorosamente maschio). Per questo capita anche che qualora non siano sufficientemente "gnocche" c'è pure chi se ne lamenta, della serie dal momento che non devono fare nulla, siano almeno una gioia per gli occhi (maschili, si intende) e ed è così che alle hostess viene imposta la taglia 40/42 (solo alle donne, ovviamente, perché si sa che l'omo de panza è omo de sostanza, mente "la donna de panza" è solamente una grassona) al di sotto e soprattutto al di sopra della quale è vietato andare, pena il licenziamento. Su questa vicenda spenderei altre due paroline, perché merita, infatti c'è chi ha difeso l'iniziativa (vecchia ormai di due anni, ma ancora tristemente attuale) perché Che comunque le hostess non debbano essere troppo "abbondanti" lo capisci, dato lo stretto spazio del corridoio tra i sedili. Insomma, le hostess (gli steward in qualche modo passano comunque) e in generale le donne di taglia 46 sono delle malate incapaci di muoversi, rimarrebbero incastrate tra i sedili (per caso neanche i passeggeri devono portare più della 42?) e passerebbero la durata del volo a mangiare salatini non lasciandone nessuno per i passeggeri (perché sono ciccione e come tali ingorde). Insomma, Ricciocorno nel suo post mostra bene come tutto quello che viene tradizionalmente fatto dalle donne sia per definizione (più) facile e poco importante, siano lavori o hobbies (lavorare a maglia è più facile di piallare un legno, il nuoto sincronizzato lo è più del rugby, la letteratura uno scherzo in confronto alla matematica). Io vorrei riflettere su come questo discorso valga, ahimè, non solo per i lavori, ma anche per le virtù e le qualità. Scrive Elena Giannini Belotti, l'identità maschile prevede la totale espulsione del femminile da sé, con una perdita drammatica di "virtù sociali" che dovrebbero semplicemente essere umane: l'attenzione e la sensibilità verso il prossimo, l'empatia e la capacià di identificarsi nell'altro, saper ascoltare, consolare, accudire, curare. Non a caso il 70% del volontariato è svolto da donne. Insomma, bella la bambina che cura l'orsacchiotto, che si preoccupa del compagnetto caduto dall'altalena, che regala la gomma all'amichetta che ha perso la sua, ma vuoi mettere con il maschio che tira meglio a canestro, non piange mai e non ha paura dei film dell'orrore? Vuoi mettere il coraggio, la ribellione, l'indipendenza (indipendenza di che poi, se agli uomini non è richiesto nemmeno di essere capaci di farsi il bucato e quando, apriti cielo, la moglie si assenta da casa per una settimana in dieci anni deve lasciargli sette cene pronte e surgelate, le istruzioni per scongelarle e possibilmente i vestiti etichettati per giorno della settimana?), la forza, l'esuberanza con la pazienza, la gentilezza, la bontà d'animo, l'empatia? Queste ultime vengono considerate nella società qualità di seconda classe, bello averle sì, certo, però neanche troppo trovati un bravo ragazzo, ma non troppo, sono buono ma fino a un certo punto, perché il ragazzo "troppo buono" per dirne una, fa la figura dello scemo (e poi si sa che alle donne piace lo stronzo) e il ragazzo deve essere furbo, sveglio, sperto (la donna invece può essere stupida finché vuole anzi spesso la presunta bontà delle grandi icone femminili sfocia nella più totale scervellatezza), deve fregare, infinocchiare, ingannare. Deve fingersi amico di una ragazza per portarsela a letto ad esempio, o fingersi gay (vedi Kick-Ass e un altro film poco celebre il cui titolo mi sfugge). Come amico, poi, deve fingere di saper ascoltare, fingere di interessarsi ai problemi della ragazza da conquistare. Sia mai che gli interessino davvero! Sia mai che un ragazzo, un uomo possa volere davvero prestare attenzione ai problemi di un'altra persona, portare il suo peso con lei, esserle di conforto, cercare di capirla, provare ad aiutarla (sia o non sia innamorato di lei). Avete un amico che fa così con voi, signore? Mi dispiace sta fingendo, poco importa che sia vostro amico da una vita, magari già felicemente fidanzato o sposato, vuole portarvi a letto, si sorbisce tutto quello che dite sperando nella ricompensa finale, come la capra che insegue la carota. Oppure è gay.
L'empatia in un uomo ed anche in un bambino è segno di debolezza, la dolcezza pure. Non sono virtù, sono mezze virtù, sono "roba da femmine", per un maschio sono degradanti.
E' qui che nasce il tutto, così un bambino viene privato della sua libera infanzia. Mentre una bambina, con cautela ed entro certi limiti, può sviluppare la parte "maschile" di sé essere e fare ciò che un tempo era considerato da maschio venendo meno rimproverata e ostracizzata che in passato (anche se magari più subdolamente spinta verso la retta via, dopo una sbandata momentanea), un bambino semplicemente non può, e come lo si dissuade dall'intraprendere attività e provare sentimenti tipicamente da femmina? Gli si insegna a disprezzare il femminile. Perché vuoi essere come una donna, se puoi essere un uomo? Perché vuoi giocare a fare lo schiavo se sei nato principe? In fondo non ti perdi nulla, garantito, giovane uomo, la roba da femmine è stupida, è banale, è superficiale, è degradante. Va bene per loro, per le donne, perché non possono avere di meglio, perché non sono in grado di fare altro, ma per te è destinato molto di più. Un uomo che sviluppa il suo "lato femminile" spreca i suoi talenti, è disdicevole e disonorevole. Gli abbracci e i baci sono "roba da femmine", non darne e non chiederne, piccolo maschio (ma se per caso te ne scappa uno, che sia a una bambina, così diremo tutti che già "pensi a quelle cose", che sei un "dritto", che hai "capito tutto", per mascherare che volevi solo dimostrare un po' di affetto). Perché vuoi giocare con le bambole? Sono brutte, noiose, sono "roba da femmine", guarda quanti bei giochi puoi avere, macchine, trenini, Gormiti, pistole, lego, più grandi, più belli, più costosi, migliori.
Questa è la parola magica, migliore. Essere maschi è migliore che essere femmine. Nessun maschio vuole essere una femmina, neanche le femmine vogliono essere femmine, essere maschi è una fortuna, sarà la tua fortuna, non sprecarla in roba da femmine. Sei nato dalla parte giusta del mondo. Potrai avere quello che vuoi, una famiglia ed una buona professione, potrai fare sesso con chi vorrai quando vorrai, potrai vestirti come vorrai, avere il corpo che vorrai, sarai rispettato, sarai creduto. Potrai avere tutto questo e molto di più.
In cambio, da una sola cosa stai sempre lontano.
La roba da femmine.

5 commenti:

  1. un bambino può giocare coi gormiti ed essere comunque sensibile..
    Se qualcuno crede ancora che hostess e infermiere siano geishe è lui in torto (dopodichè se tra una hostess e un pilota o tra un'infermiera e un medico c'è una relazione sessuale o sentimentale sono comunque maschi adulti).
    quanto poi alla mascolinità e la femminilità..dico per l'ennesima volta che oggi più di ieri possono essere vissute in tante maniere alcune più diffuse altre meno ma tutte legittime
    Quanto al ragazzo che si finge interessato ai problemi della ragazza per..alcuni fanno così e altri no. E se uno è tuo amico da anni fregatene di quello che dicono gli altri (poi se succede che uno/a s'innamora dell'amico/a o che due amici s'innamorano bè succede e non c'è nulla di male)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "dico per l'ennesima volta che oggi più di ieri possono essere vissute.."

      ovviamente senza voler negare i problemi, e le questioni affrontate anche da questo blog

      Elimina
  2. insomma la mascolinità e la femminilità, è qualcosa di più complesso di quanto si creda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non solo credo sia più complesso, ma credo anche sia più flessibile.

      Elimina